Sigillo di Ateneo

Struttura Organizzativa AQ di Ateneo

La struttura organizzativa per l’Assicurazione della Qualità di Ateneo

L’Assicurazione della Qualità (AQ) di un Ateneo è il sistema attraverso il quale gli Organi Accademici di governo dell’Ateneo delineano e realizzano la propria politica per la qualità.

Le responsabilità della Qualità sono connesse a quelle politiche e quindi competono al Rettore per l’Ateneo, al Direttore per il Dipartimento e al Presidente (o figura equivalente) per il Corso di Studio.

La politica per la qualità è deliberata dagli Organi Accademici dell’Ateneo e viene attuata e garantita da un controllo ex-ante e in itinere da parte del Presidio di Qualità dell’Ateneo (PQA), ed ex-post da parte del Nucleo di Valutazione (NdV).

L’Assicurazione della Qualità (AQ) di Ateneo riguarda tre aree:

     1) AQ Formazione

     2) AQ Ricerca

     3) AQ Terza missione

Il Presidio della Qualità di Ateneo

Nel sistema AQ di Ateneo, il PQA rappresenta la struttura operativa interna all’Ateneo “unica” per le tre aree. È costituito da un Delegato del Rettore alla Qualità (Prof. Fausto FANTINI ) e da quattro componenti nominati dal Consiglio di Amministrazione in data 24 aprile 2013 (Proff: Cristian GIARDINÀ, Maria Cristiana MARTINI, Maria Cristina MENZIANI, Massimo MESSORI ) e si avvale di una struttura amministrativa di supporto.

Il PQA svolge funzioni di promozione della cultura della qualità dell’Ateneo, di consulenza agli organi di governo dell’Ateneo sulle tematiche dell’AQ, di sorveglianza e monitoraggio dei processi di AQ, di promozione del miglioramento continuo della qualità e supporto alle strutture dell’Ateneo nella gestione dei processi per l’AQ.

In questo contesto, il PQA sostiene la realizzazione della politica per la qualità definita  dagli Organi approntando gli strumenti organizzativi necessari per:

  • affiancare le strutture coinvolte nella impostazione e nella gestione dei processi coinvolti nella AQ,

  • verificare che tutti i processi si svolgano come previsto, producendo eventualmente le necessarie indicazioni operative,

  • monitorare gli esiti dei processi, in coerenza con gli obiettivi, e valutarne periodicamente il raggiungimento.

 

Articolazione nelle Strutture di Ateneo

Per consentire un miglior funzionamento del sistema di AQ nelle diverse strutture è prevista un’articolazione in:

a) Un Responsabile Qualità di Dipartimento (RQD), che è libero di darsi una organizzazione monocratica o di costituire un gruppo di lavoro. Il RQD assicura il collegamento tra PQA e strutture periferiche (Dipartimento, Corso di Studio, Commissione Pariteteica-docenti studenti) e fornisce supporto e consulenza nell’ambito della didattica oltre che della ricerca.  Per quanto concerne la formazione, la Facoltà di Medicina e Chirurgia, istituita come struttura unitaria di cordinamento didattico tra i quattro Dipartimenti di Area Medica, ha nominato un Responsabile Qualità di Facoltà, competente per la didattica.

b) Un Responsabile per ogni Corso di Studio (CdS) che, almeno per quanto riguarda il riesame, coincide con il presidente o il coordinatore e che è affiancato da un Gruppo di Riesame che si è deciso di far coincidere con il Gruppo di Gestione AQ del CdS.

Nel sistema AQ della formazione si inseriscono le attività della Commissione Paritetica-Docenti Studenti che, istituita presso ogni struttura Dipartimentale/Facoltà ha il compito di:

  • svolgere attività di monitoraggio dell’offerta formativa e della qualità della didattica; nonché dell’attività di servizio agli studenti da parte dei professori e dei ricercatori;

  • individuare indicatori per la valutazione dei risultati dell’offerta formativa;

  • formulare pareri sull’attivazione e la soppressione di CdS;

  • redigere una relazione annuale da inviare al PQA e al NdV.

 

Allo stato attuale il PQA ha redatto il documento delle Linee Guida per l’Assicurazione della Qualità dell’Ateneo (in allegato) in cui sono stati definiti compiti, responsabilità e funzioni per l’AQ della Formazione, mentre sono ancora in fase di elaborazione quelle della Ricerca e della Terza Missione alla luce delle indicazioni che progressivamente fornisce l’ANVUR.